NUOVE CANZONI

EDOARDO DE ANGELIS

15,00
Spedizione Gratuita!

Produzione artistica Edoardo De Angelis.
Produzione esecutiva Antonio Biccari per l&B Italia Srl
Arrangiamenti Primiano Di Biase (con Simone, Fabrizio, …)
Archi Valter Sivilotti
Orchestra Filarmonica di Dnepropetrovsk (diretta daValter Shilotti),
registrata a Dnepropetrovsk da Fabio Ferri con Millenium Reeording Mobile
Registrazioni, mie, mastering Fabio Ferri, Millenium Audio Recording, Roma
Edizioni musicali: Musica del Sud
Alessandro D’Alessandro – organetto
Primiano Di Biase – pianoforte, fisarmonica, Hammond
Fabrizio Guarino – chitarra acustica, elettrica, mandolino. chitarra classica EKO (Galileo) Fabrizia Pandimiglio – violoncello
Giovanni Pelosi – (Scegli il nome di un fiore) Chitarra acustica Lizzy, il modello Attiene della Great Otri Guitars di Maurizio Cuzzolin
Guerino Rondolone – basso elettrico, chitarra basso
Simone Federicuccio Talone – batteria, percussioni, aggeggi
Nhare Testi – violino
Alessandro Tomei – sax, flauto basso solista (bonus track(

IN CASO DI SPEDIZIONE ESTERE VI PREGHIAMO INVIARE UN MESSAGGIO DALLA SEZIONE “CONTATTI”


SKU deangelis-001 Categories, Tag

Descrizione

Descrizione

“Cerco un filo rosso, una ragione che leghi e tenga insieme le undici canzoni di questa raccolta, un cestino di frutti diversi uno dall’altro. Direi che questa volta i fili sono due: il tempo, la sua trama invisibile mai ferma, che lega passato e futuro e ci fa toccare il presente, e, ancora una volta, nelle mie storie, il valore del confine, quella linea sottilissima, elastica, mutevole che divide (ma tiene vicine, in contatto) la realtà e l’immaginazione …”
E’ il “manuale d’uso” che accompagna questo nuovo album di Edoardo De Angelis, storico rappresentante della canzone d’autore italiana di scuola romana. Undici nuoveCanzoni, come racconta il titolo, tutte inedite, che rinnovano lo sguardo poetico e il taglio attento ai sentimenti ma anche alle situazioni sociali del nostro tempo: caratteristiche che hanno sempre accompagnato il lavoro e l’impegno del cantautore romano. La varietà e la pienezza dei contenuti e delle sonorità, la maturità espressiva raggiunta, la cifra essenziale del linguaggio, rendono questo album un passaggio di notevole importanza nella lunga storia dell’artista.